Copyright 2014
Friday, All Rights Reserved.

Da bambini, in quell’età in cui ci si immagina astronauti o calciatori, noi ci confidavamo che sarebbe stato bello poter un giorno produrre l’Erbaluce Passito, questo prodotto magico che faceva parte della nostra tradizione popolare e che, nelle sere d’autunno, i nostri nonni e genitori ci portavano a vedere e assaggiare.
Sono passati molti anni, ognuno di noi ha compiuto il suo percorso, sia di vita familiare che professionale, ma un giorno ci siamo ritrovati a riparlare del nostro sogno: come se il tempo non fosse passato, con la stessa
 
 
 
spensieratezza con cui, tanti anni prima, parlavamo dei nostri progetti.
E abbiamo capito che il tempo per realizzare il nostro sogno era finalmente arrivato.
E allora, con passione, tenacia, impegno e molta allegria, abbiamo costruito La Masera. E ci piace pensare che un po’ di questa passione e di questa energia si trovi nel nostro prodotto e che qualche traccia del nostro sogno possa arrivare anche a chi sceglie di degustare i nostri vini…

 

“Vedevamo i nostri nonni aspettare un intero anno con l’ansia che un temporale estivo avrebbe potuto vanificare l’intero raccolto ma poi gli ultimi raggi di un’estate ormai finita consegnavano al rituale della vendemmia quegli amati grappoli di vitigno autoctono e tenace: l’Erbaluce o Albaluce come la chiamavano gli antichi.

Oggi come allora, con il nostro progetto proviamo a ripercorrere quei gesti antichi per ridare vita a quel prodigio di gusto e di ricerca interiore che prende vita da un bicchiere di Erbaluce Passito di Settimo Rottaro…”