LA NOSTRA TERRA

canavese_canavèis

Durante il quaternario, nel corso dell’ultimo milione di anni, l’immenso ghiacciaio Balteo, discendendo dalla vicina Valle d’Aosta con un susseguirsi di glaciazioni definite “pulsazioni” ha plasmato lo splendido Anfiteato Morenico di Ivrea, trascinando e portando con sé foreste, limo, rocce e detriti verso la piana eporediese e creando, in tal modo, ai bordi di questa, una “barriera” collinare denominata Serra.

Proprio sulle pendici di queste colline arcaiche, forgiate dalla forza del ghiaccio e della natura, sorgono i vigneti de La Masera, che traggono la loro specificità e unicità proprio dalla magica composizione del terreno così formatosi. Sullo sfondo, il lago di Viverone, nato nelle stesse modalità, la cui presenza caratterizza in maniera importante le fasi della vendemmia, influenzando temperatura e umidità a cui è sottoposta l’uva: il fresco della notte, che ha effetti sorprendenti sui profumi del futuro vino, e l’azione delle nebbie mattutine, che avvolgono i grappoli e li proteggono per poi dileguarsi a tempo debito e permettere al sole di regalare la giusta dolcezza. Una visita alle zone di produzione può quindi riservare piacevoli sorprese nello scoprire territori naturali ancora integri, gradevolmente percorribili a piedi, a cavallo o in bicicletta con l’intera famiglia, o con gli amici, per trascorrere una giornata all’aria aperta in uno scenario unico al mondo…

CHI SIAMO